17ie0i1gdyji4jpg

Nella grotta di Wonderwerk scoperti resti del primo fuoco

Una nuova scoperta rimette in discussione l’inizio dell’era del fuoco che sarebbe iniziata molto prima di quanto fino ad ora stimato,a dimostrarlo sono le ceneri e i frammenti di ossa  di animali ritrovati a Wonderwerk Cave in Sudafrica. La singolare scoperta è stata fatta da un gruppo di ricercatori internazionali guidato da Michael Chazan dell’università di Toronto.  Finora gli antropologi eran in disaccordo sull’inizio dell’accensione del primo fuoco per cuocere del cibo o per scaldarsi,ma le tracce scoperte in Sudafrica nella caverna di Wonderwerk insieme a frammenti di ossa carbonizzate,ai resti di vegetali inceneriti e resti di strumenti in pietra,dimostrano che gli antenati dell’uomo usavano il fuoco e sapevano controllarlo ben 300.000 anni prima di quanto fin’ora sostenuto. I resti scoperti nella grotta sono stati analizzati con la tecnica della microspettroscopia a infrarossi e le analisi mostrano che i materiali sembrano essere stati bruciati sul posto anziché essere stati trasportati nella caverna dal vento o dall’acqua.La brace ottenuta bruciando erbe, ramoscelli e foglie potrebbe essere stata utilizzata per cuocere il cibo, probabilmente carne, come suggeriscono i resti delle ossa trovati nelle vicinanze  ventilerebbero anche l’ipotesi che l’Homo erectus, avrebbe seguito una dieta con cibi cotti, prima del Neanderthals o dell’ Homo sapiens!